04 marzo 2007

ORA CORRO SU EBAY A COMPRARMENE UNO

Nonostante gli influssi negativi di Luca Volontè mi abbiano fatto restare imbottigliato in tangenziale a causa di lavori in corso, facendomi temere il peggio, il concerto dei Junior Boys é stato pazzesco.
Un'ora abbondante trascorsa come fosse un minuto. Avrei voluto che non finisse mai.
Insospettabilmente ad accompagnarli live hanno un batterista, mostruoso sotto tutti i punti di vista. Degna di nota la sua inquietante somiglianza con il Vincent Cassel del film "L'Odio".
Inquietante anche il fatto che, nonostante il caldo del Covo, mentre suonava indossasse un bomber. Per giunta grigio.
E' proprio vero, stanno tornando gli anni novanta.

21 commenti:

pibio ha detto...

pensare che mi sembra che i '90 siano finiti un quarto d'ora fa.
ripensandoci , a me i '90 facevano l'effetto di quando a scuola c'era l'ora buca...si poteva fare quel cacchio che si voleva, pur sapendo che sarebbe stato inutile...mah...

Zonda ha detto...

Per me siamo piu' vicino ai settanta, comunque per darti ragione ti dico che sabato ero nella cosa piu' vicina ad un connubio fra un centro sociale ed un manicomio a ballare trip-hop con la giacca. Prima ero stato in tutt'altro (ma non troppo) locale e non volevo fare trasparire la mia camicia grunge :D

federico ha detto...

@ pibio: la definizione che hai dato degli anni novanta è magistrale. ;) racchiude tutta l'essenza di un decennio che poi tanto decennio non è. Gli anni novanta iniziano con le olimpiadi di Balcellona del 92 e finiscono con l'11 settembre 2001. Ho discusso serate intere con amici e siamo arrivati a questa conclusione. Gli anni novanta sono durati in realtà nove anni. :D

@ zonda: me ne rendo conto dalla musica che sta uscendo adesso e da come si veste e si comporta la gente. Ad esempio, il fatto che tu sia andato a ballare trip hop è la prova schiacciante. ;)

pibio ha detto...

Italia '90 la mettiamo ancora negli'80? io sarei per il si...

federico ha detto...

Assolutamente! la cerimonia iniziale è un tripudio di anni ottanta, col super pallone volante. Il logo, la canzone Notti magiche, la grafica Rai per le partite, Totò Schillaci... tutto assolutamente ottanta! :D

Bluto ha detto...

Rispetto per chi indossa un bomber. Non ne vedevo uno dai tempi delle medie...

disorder ha detto...

Io un bomber dovrei avercelo ancora da qualche parte (tenerlo addosso al COVO??? mentre si suona????? ma è un pazzo!).

Maledetto Appennino, i Junior boys me li sarei visti volentieri.

federico ha detto...

@ bluto: il bomber l'ho indossato per anni e anni, penso che sia uno dei simboli degli anni novanta! :D
ora vedo i ragazzini che stanno ricominciando a portarlo. é chiaramente un segnale. :D

@ disorder: bomber grigio e felpa col cappuccio. Un caldo pazzesco e lui che lo indossava con sano menefreghismo. Era sudatissimo, ma non lo toglieva.
Ahimè, ti sei perso un musicista col bomber e un grandissimo concerto. :D

giac ha detto...

ehi! qui ci vado a nozze!

avendo partecipato alle interminabili discussioni sulla datazione dei decenni citate poc'anzi, intervengo precisando che personalmente ho sempre sostenuto come lo spartiacque esatto tra '80 e '90 fosse, per la precisione, la cerimonia di apertura delle olimpiadi di barcelona '92.
Fino all'inno siamo ancora in pieni anni '80 (e non per niente è costituito da un freddy mercury postumo) e un attimo dopo gli atleti sono già anni '90.
Poche volte il confine è stato così netto. E pensare che poi gli anni '90 non sono quasi esistiti, anche se credevamo di sì. O scopriremo che invece hanno racchiuso tutti gli altri decenni in uno soltanto? Ancora sono confuso.

@pibio: in attesa di una risposta, concordo con federico, la tua è una definizione quanto mai azzeccata.

Zonda ha detto...

@ Fede: Non e' che sia stata una cosa cercata... ma mi sono divertito :D

federico ha detto...

@ giac: effettivamente le discussioni furono interminabili, e il tutto meriterebbe un bel post. Io non mi sento adeguato a farlo, non è che ti sacrificheresti tu? :D
A parte gli scherzi, i novanta sono stati un decennio strano. E' stato tutta una riproposizione/approfondimento di miti, mode e stili del passato.

@ zonda: quelle sono le serate più belle. In ogni caso, saranno stati dieci anni che non sentivo parlare di una festa trip hop. :D

lalogicadelcerchio ha detto...

scaricherò subito... ti posso linkare sul mio blog?

Zonda ha detto...

@ Fede: Non era una festa. Era un rave

federico ha detto...

@ la logica del cerchio: no problem, linka pure! ;)

@ zonda: avevo capito male, scusami! ;)

giac ha detto...

non me la sentirei proprio di sintetizzare l'opera omnia sui "decenni della nostra vita", anche perchè siamo stati sorpassati a destra e a sinistra dalla Storia. Pensavamo di fare archeologia, mentre in realtà stavamo risvegliando Belfagor...

Manq ha detto...

Gli anni novanta sono il video di Basket Case su MTV.
Svolta assoluta, a voi decidere se positiva o negativa.

federico ha detto...

@ giac: effettivamente il problema è proprio quello. La mia paura invece era quella di diventare patetico nel fare una cosa del genere, proprio quello che allora non avrei mai desiderato essere.

@ manq: forse è uno dei momenti chiave degli anni novanta. Un gruppo che ottiene il successo suonando quella roba, con un video così. Ripropone cose già fatte dagli Adolescents e dai Descendents dieci anni prima, ma lo fa benino ed in maniera credibile. La chiave degli anni novanta: riproporre bene cose già fatte, approfondendo il discorso.

Manq ha detto...

Altre cose anni 90: i pantaloni corti, il rainbow club di milano, i cuba libre fatti in casa nella bottiglia della coca cola, la Y10 e, su tutto, il diablo.

federico ha detto...

I pantaloni corti, soprattutto le bermuda a cavallo basso o le bermuda militari. Le Gazelle. La Birra Splugen col tappo svita e avvita. I Doctor Martens. I jeans Energie, per chi aveva il fegato di portarli. I Ratos de Porao. La Fiat Marea familiare. I Centri sociali e la gente che li frequentava per moda. Beppe Severgnini.

Manq ha detto...

Le gazzelle?
Le puma suede!
Rosse con la banda bianca.
Anche le gazzelle però, in effetti.
Neanche a dirlo, io un paio di Energie di quelli imbarazzanti ce l'avevo. Ma dell'energie nei 90' troneggiavano le magliette. Ne avevo a pacchi (erano il regalo tipico del compleanno alle medie).
Quello e, ovviamente, i cd della serie Deejeey Parade o Alba.

federico ha detto...

minE' vero... le Puma suede! io ce le avevo blu scuro, le ho consumate e distrutte a forza di portarle. Roba Energie non l'ho mai avuta, ma è roba da autoscontro e a posteriori l'apprezzo.
Ricordo i jeans gialli, il bomber con la toppa dietro, le felpe con la mega scritta. Il cappellino. Tutto truzzissimo!
La disco alla domenica pome, poi. In scooter o accompagnati dal genitore di turno. :D