09 dicembre 2009

LE PASTIGLIE DEL '96

”24/7” dei GusGus non è un disco vecchio, è semplicemente un disco di musica senza tempo. Uno di quei bei dischi di techno come si faceva una volta e come oggi purtroppo non si fa più, con synth che paiono scolpiti nel ghiaccio, bassi da lesioni interne e beats austeri e marziali – com’è giusto che sia. Dopo un paio di ascolti 24/7 è già un classico, o forse lo è sempre stato e sempre lo sarà: la struggente “Add This Song” è da lacrime agli occhi con i suoi loop che riescono ascavartinell’anima, “Bremen Cowboys” è il ritorno della trance sul luogo del delitto, “Thin Ice” è la quiete prima di una devastante tempesta, “Take Me Baby” salva Jimi Tenor dai deliri afrofunk nei quali si è perso da ormai troppo tempo e lo riporta ai fasti di un tempo (anche se solo per quattro minuti circa).

Il resto è la dimostrazione che la classe non è acqua e che “24/7″ è quasi un ideale tributo al grande ed importante lavoro che gli islandesi GusGus hanno fatto nel corso degli anni. Gente che ci ha sempre creduto e ci crede come allora, che ha portato avanti un certo tipo di discorso con grande coerenza e che continua a portarlo avanti, incurante del trascorrere del tempo e del modificarsi delle cose e delle persone. Eppure in tanti tendono a sottovalutare.

Un disco del genere sarebbe potuto uscire indifferentemente nel 1996, nel 1999 oppure nel 2012 e nessuno avrebbe avuto nulla da ridire sulla sua bellezza e sulla sua perfezione. Eppure esce nel 2009 e nonostante tutto il carico di pathos che si porta appresso viene sistematicamente snobbato/stroncato dai soliti cacciatori di trend - gli stessi che nel corso degli anni come se nulla fosse si sono strappati i capelli (nell’ordine:) per jungle, drum’n'bass, big beat, 2 step, electroclash, rocky house e fidget, dimenticando improvvisamente ciò che avevano ascoltato fino all’anno prima, sempre in cerca dell’ennesima novità (che poi gira e rigira è sempre un revival/risciacquatura di piatti) buona per renderli del tutto conformi alla massa.

Peccato per loro, non sanno cosa si perdono (ma tanto se lo sarebbero perso pure nel 1996, nel 1999 oppure nel 2012, quindi non fanno testo e “24/7″ resta un grandissimo disco a prescindere dal loro gradimento).

(IFB)



3 commenti:

Jerry ha detto...

singolo,disco e acquisto dell'anno!(2 lp+cd 15,50 euro!)

accento svedese ha detto...

Più lo ascolto e più lo ascolterei. Va molto vicino ad essere il disco dell'anno, non è disco dell'anno solo perché ho visto Horrors ed Animal Collective dal vivo e mi son reso conto che suonano come su disco.
Sarei curioso di sentire i GusGus dal vivo, mi accontento anche di un dj set.

成人網站 ha detto...

免費a片下載無碼
線上免費試看短片a片
a片免費看
a片下載
a片寫真
免費試看短片a片
a片
免費a片下載
校園美女a片影音視訊網
a片免費看