18 novembre 2009

COME SCENDERE DAL CARRO DEI VINCITORI ED USCIRNE (MEDIAMENTE) INDENNI #2: Pino Scotto eroe solo contro tutti.



COMUNICATO #2
L'interrogatorio, sui contenuti del quale abbiamo già detto, prosegue con la completa collaborazione del prigioniero. Le risposte che fornisce chiariscono sempre più le linee controrivoluzionarie che le centrali imperialiste stanno attuando; delineano con chiarezza i contorni e il corpo del "nuovo" regime che, nella ristrutturazione dello Stato Imperialista delle Multinazionali si sta instaurando nel nostro paese e che ha come perno Mediaset e tutte le espressioni letterarie ad essa collegate.
Pino Scotto
, che oggi deve rispondere davanti ad un Tribunale del Popolo presieduto da Piero Chiambretti, è perfettamente consapevole di essere uno dei pochi fieri oppositori di questo regime mediatico-culturale, dice le cose come stanno anche se rischia di essere sbranato vivo dagli intellettuali di regime Andrea G. Pinketts, Piero Chiambretti e Federico Socmel Moccia (e da un nugolo di ragazze di cui non si conosce la provenienza ma si conosce il basso livello intellettuale). È coraggioso, ma deve essere processato perché il pensiero dominante è un altro.

Che uno come Moccia scriva libri e diriga film è uno scandalo, che i giovani italiani si riconoscano in lui e corrano in massa a comprare i suoi libri/vedere i suoi film lo è ancora di più; e peggio di tutto è il fatto che venga invitato ad una trasmissione e trovi gente che lo difende a spada tratta anche se non ci crede per nulla. Però Federico Socmel Moccia vende bene ed alimenta un imponente giro di pubblicità e pertanto anche se sta ricoglionendo un'intera generazione di giovani italiani va difeso a prescindere da chi osa mettere in dubbio le sue indubbie capacità di venditore di sogni a buon mercato.

Piero Chiambretti ed Andrea G. Pinketts sono molto più alla frutta di Federico Socmel Moccia, Pino Scotto è un eroe moderno che va rispettato e riverito anche quando dice cose scomode.

7 commenti:

Sebas✞iano ha detto...

scotto era un fiume in piena di accuse come al solito, solo che su mediaset gli contavano il tempo e faceva più ridere del normale.

Alessandro ha detto...

Io mi meraviglio che stia su mediaset e su Rolling stone, anche se questo è solo un bene. Mi ricorda Di pietro nei suoi concetti fieri esposti a la maniera degli scaritori di porto.

Grande Pino..e anche grande Tonino.

Alessandro ha detto...

A complimenti per il blogo! ti seguo.

accento svedese ha detto...

@ SebasTiano: prima o poi qualcuno fa menare Pino Scotto. Dice cose veramente troppo scomode, ho paure per lui.

@ alessandro: ho un giudizio parecchio negativo su Di Pietro, non volermene ma è più forte di me. Continua a seguirmi lo stesso... ;) Però Pino Scotto in un certo lo ricorda, hai trovato un'ottima analogia.

Alessandro ha detto...

effiguriamoci se te ne voglio, mi sta simpatico ma chi l'ha mai votato di pietro???

Era come detto un analogia :-)

delrio ha detto...

Certo che se gli intellettuali italiani di spicco sono Moccia e gli Zero Assoluto, siamo messi bene

accento svedese ha detto...

@ alessandro: a volte di pietro è simpatico, ma politicamente lo ritengo uguale a Berlusconi- che forse è pure più simpatico. :)

@ delrio: siamo alla frutta, altrochè...