16 agosto 2007

ADELMO CUOR DI LEONE

L'eroe delle mie ferie è stato sicuramente Zucchero.
Dopo le sue prodezze in quel di Cala di Volpe, gli si può perdonare tutto.
Zucchero non copia nessuno, si ispira liberamente. Anzi, è fonte di ispirazione per altri artisti. Infatti i Roots nel 2003 hanno copiato il suo pezzo Un Kilo anche se questo è uscito nel 2007. Mi ero sbagliato.

In una struggente intervista su Repubblica, ha affermato "A pranzo bevo solo acqua minerale, a cena soltanto vino, e mai prima di un concerto. Non mi faccio di coca, nella vita mi sono fatto due spinelli in tutto e mi sono detto mai più perché non li reggevo". Ed è vero.

Comunque quella sera secondo me era perfettamente sobrio. Bisogna essere solo perfettamente sobri per pronunciare frasi di un tale realismo. Senza pietà alcuna, ha sfidato la peggio gente d'Italia. Ed ha vinto.

Idolo.

5 commenti:

chad palomino ha detto...

c'era anche un altro punto molto significativo:
"se le parolacce le avesse dette grillo avrebbero riso tutti".

effettivamente gli sfugge la sottigliezza dell'esistenza di diversi contesti per i quali le parole e i linguaggi assumono diverse connotazioni. e non capisce quindi che dare della bagasciona a una signora che non conosce, può suscitare la sua ira, invece del riso, anche se la signora in questione fosse una bagasciona fatta e finita.

su "la repubblica" di ieri era insopportabile pure l'articolo di merlo che difendeva zucchero, anche se aveva fondamentalmente ragione sul fatto che il pubblico in questione era composto da ricchi cafoni da billionaire, quindi da gente un po' di merda.

chad palomino ha detto...

e comunque sono giunto alla conclusione che zucchero sia meraviglioso. un patrimonio che il wwf deve assolutamente salvaguardare.

federico ha detto...

Intervista di alto profilo morale e culturale, non c'è che dire. :D
Dare della bagasciona ad una del genere è la peggio cosa da fare: la tipa non si offenderebbe per l'epiteto in sè, ma per il fatto di venir messa in cattiva luce in un ambiente del genere, nel quale l'apparenza è tutto.
L'articolo di Merlo l'ho letto e riletto. Dopo l'iniziale perplessità, mi ha convinto. L'ho trovato azzeccato ed ironico. Bello il confronto fra le panze sfatte per gli stravizi dei rocker e le panze sfatte per la bulimia da presenzialismo dei cafoni da Billionaire.
Il problema è uno solo: Zucchero non è per nulla un rocker. :D
Concordo che sia un patrimonio da salvare. Ci sta regalando parecchie soddisfazioni. Una garanzia. :D

Zonda ha detto...

Neanche in questo comunque riesce ad essere originale. Porbabilmente stara' continuanto a pensare perche' John Lennon quando insulto' il pubblico pagante fece ridere anche la Regina mentre a lui gli e' arrivata una bottigliata in testa...

federico ha detto...

E' che Zuchero è un campagnolo, ed ha meno classe nel dire le cose. Ma è efficacissimo. :D