04 gennaio 2008

CHI BEN COMINCIA È A METÀ DELL'OPERA?


Negli Stati Uniti sono cominciate le primarie per definire i candidati che si sfideranno alle presidenziali di novembre.
Alla faccia di Sandro Bondi che vorrebbe modificare la legge 194, Barack Obama ha vinto nello Iowa. Con mia somma soddisfazione, tra l'altro.
Comunque vada a finire, l'importante è che il prossimo presidente degli Stati Uniti d'America sia un democratico. Ma se vincesse Obama sarebbe il massimo.

19 commenti:

Manq ha detto...

Dichiarazione a caldo di Obama: "Il tempo del cambiamento è arrivato: sarò il presidente che riporterà a casa i soldati dall'Iraq, che garantirà la sanità a tutti gli americani e metterà fine ai regali fiscali alle grandi multinazionali".

Non vincerà mai.
Mai.

Peccato.

onan ha detto...

Vincerà, vincerà. Ma non so se farà esattamente tutte quelle cose lì.

Phaleg ha detto...

Se vincerà e farà tutto quello ne avrà di problemi...spero vinca e lo faccia, come penso sperino tutti.
O quasi tutti.

Anonimo ha detto...

Ciao,

scusate se esco fuori tema, ma ho bisogno di aiuto. Qualcosa come nel 2002/2003 era uscito un video proprio bello di un gruppo elettronico acustico tipo flaming lips.. il video si chiama "again" è molto digitale e psichedelico.. Ogni tanto passa su Mtv chill out zone.. mi dite il nome del gruppo ?

Sickboy

giac ha detto...

Parto dal presupposto che la mia identità politica sia destinata all'infelicità, dunque non vincerà, ma se rischerà di farlo salterà fuori qualcuno con un revolverino nell'ultimo albergo che visiterà prima della fine della campagna.
Se poi dovesse vincere non credo che farebbe quelle cose, ma sarebbe comunque un grande segnale e una grande speranza per gli Stati Uniti, che dimostrerebbero finalmente di avere la fondamentale caratteristica dei grandi imperi di sapere diventare essi stessi il proprio "nemico o spauracchio" (in questo caso un nero di origini musulmane) e contemporaneamente trasformare il proprio nemico in sè stessi.
Se infine dovesse vincere e fare quelle cose lì allora probabilmente mi verrebbe una qualche malattia mentale che mi tramuterebbe immediatamente in un Bondi coi capelli (anche se in calo).
I primi sintomi di questa malattia peraltro potrebbero già essere in corso: ho appena aperto una notizia d'agenzia che riportava una affermazione di Calderoli per farmi due risate alle sue spalle e... alla fine della lettura (al di là del titolo e dei soliti toni da aggressivo deficiente) ero quasi d'accordo con lui...
http://www.repubblica.it/news/ired/ultimora/2006/rep_nazionale_n_2794844.html?ref=hpsbdx3
AIUTOO!!! No dai, ora la rileggo e sicuramente mi ricrederò...

the cat is in the oven ha detto...

già, sarebbe bello se vincesse sul serio.
ancora meglio sarebbe se rispettasse tutti i punti del programma, cosa che sembra difficile.
in ogni modo, anche se farà una sola cosa di tutte quelle dette, sarà un grande passo per l'america e un segno importante che le cose sono cambiate.
ad ogni modo complimenti per il blog, uno dei più belli che mi sia capitato di leggere.
faccio un commento collettivo a tutti i post dicendo che sono d'accordo con te praticamente sul 98% di tutto ciò che hai detto.
ti ho messo tra i link nel mio umile e confusionario blog.

federico ha detto...

@ manq, onan, phaleg: spero vivamente che vinca lui e riesca a fare più cose possibili del suo programma. Per fare quelle cose c'è bisogno di tempo, spero che glielo concedano.

@ sickboy: nessun problema per il fuori tema, quando si parla degli Archive ne vale la pena. Infatti a quanto mi pare di aver capito il gruppo di cui parli sono gli Archive. ;) http://www.youtube.com/watch?v=v5aNNVdYbFo

@ giac: se dovesse vincere sarebbe un gran segnale, e probabilmente riuscirebbe a fare molto. Bisogna vedere quanto la macchina della propaganda repubblicana lo demolirà e quanto riuscirà a controbattere.
Non riuscirei a dare ragione a Calderoli nemmeno se mi torturassero. :D detto questo, mi pare la solita sparata tipica del personaggio. Sul fatto che la cosiddetta Padania tiri avanti la carretta ho dei dubbi, come ho dei seri dubbi su tutto ciò che sta accadendo in Campania. Per come la vedo io, c'è qualcuno che ha interesse a soffiare sul fuoco e a fomentare...

@ the cat is on the oven: grazie per i complimenti, troppo buono! passerò anche io a vedere il tuo blog...

pibio ha detto...

secondo le mie fonti (che altro non sono che alcuni amici/amiche a stelle e strice) va a finire così:
Obama batte Clinton e Edwards allo sprint e se la deve vedere con Giuliani (che stranamente e contro ogni previsione avrà pelato Huckabee e Paul), e perderà.
Rudi presidente, cazzo io!

ma dopo Bush 2 (eletto peggior presidente degli ultimi 200 anni - quindi peggio anche non dico di Nixon, ma anche di W.G. Harding, cazzo!) il mondo non ha più parole.
anzi, ridimensioniamoci, io non ho più parole, ecco...

Zonda ha detto...

Il problema non e' se vince lui. E' se vince l'altro. Siamo proprio all'anteitesi pura. Per la serie vivi o muori

federico ha detto...

@ pibio: dopo due mandati di George W. ormai nulla mi spaventa. Nemmeno Giuliani. Però basta repubblicani, sarebbe una tragedia...

@ zonda: se vincesse Hucklebee sarebbe una tragedia.

giac ha detto...

ovvio che esageravo quando dicevo che "concordavo con calderoli" (che è frase evidentemente priva di senso...) ma intendevo sottolineare il mio stupore per aver letto un intervento che (come già anticipavo) al di là della sparata nel titolo (che per esperienza è piu' attribuibile alla sintesi giornalistica) il suo discorso (volgare, semplicista e razzista) seguiva una linea logica, rispettava una visione del mondo e in definitiva aveva senso (!?). Per cui sono rimasto sconvolto da sentire Calderoli dire una frase quasi sensata. Temo che a Rutelli non capiti dall'82.
Boh sarò ancora vulnerabile per la delusione (o disillusione) della carta dei valori del PD.

Niccolò ha detto...

In realta', a ben vedere, il candidato con le idee radicalmente nuove e' un outsider, il repubblicano Ron Paul. Le sue idee comporterebbero cambiamenti sostanziali, anche perche' si e' posto interrogativi (uno su tutti: il "potere dei pretoriani", CIA e NSA) che a tutti gli altri sono sfuggiti o non hanno voluto trattare. Negli ultimi mesi ha fatto grossi balzi avanti, grazie a internet e a myspace... e ha 70 anni! :) Io non voglio la Clinton, perche' suppongo segua la scelleraggine del marito.

federico ha detto...

@ giac: Rutelli ha detto cose sensate solo negli ultimi giorni di campagna elettorale per le politiche 2006. Forse gli avevano suggerito bene cosa dire. Per il resto è impalpabile, sembra un fantoccio. Quanto alla carta dei valori, bisogna lottare ancora e ancora. Nulla è già deciso.

@ niccolò: non sembra nemmeno un repubblicano. O forse è quello che tutti i repubblicani dovrebbero essere se solo ne avessero il coraggio?

Manq ha detto...

Io sono già molto felice di vedere finalmente una campagna elettorale con posizioni DIVERSE dalle due parti, cosa che di solito non avveniva.
Sono ancora convinto che Bush e Kerry fossero la stessa persona (o alla peggio un duo comico).

Anonimo ha detto...

@federico: ok quindi quando ci mettiamo insieme io e te?

Grande !!! avevo davvero rimosso il loro nome

Sickboy

federico ha detto...

@ manq: il problema di Kerry è stato solo il timore di sembrare troppo di sinistra. Correre dietro ai moderati non sempre paga, e lui non l'ha capito.

@ sickboy: mi dispiace sono già impegnato. :)

Manq ha detto...

Il problema di Kerry è stato che parlava.

federico ha detto...

Se fosse stato zitto sarebbe andata diversamente.
Come alle nostre ultime politiche. Sarebbe bastato lasciar parlare Berlusconi senza replicare e si sarebbe vinto a mani basse. O forse si è vinto sul serio a mani basse ed è stata solo questione di qualche lieve inconveniente a livello di trasmissione dati? :D

pibio ha detto...

già. tutte le schede bianche trasformate in azzurre per magia. E' andata così, pare.