21 maggio 2006

LA GUERRA E' PACE - LA LIBERTA' E' SCHIAVITU' - L'IGNORANZA E' FORZA


Ho iniziato a rileggere 1984 di George Orwell. Io sono sempre stato del parere che un libro per essere capito pienamente debba essere letto più volte ed in periodi diversi della vita, perché solo così possono essere svelati particolari che ad una prima lettura non possono essere colti.
E' passato parecchio tempo dall'ultima volta in cui ho letto questo capolavoro, ma posso dire che mi sta inquietando parecchio, molto più della prima volta in cui l'ho affrontato. Mi sto rendendo conto che è assolutamente reale. E che può anche darsi che alcune delle cose teorizzate da Orwell stiano accadendo veramente e noi nemmeno ce ne rendiamo conto. Anzi, ne sono quasi certo.
Non sto a dilungarmi in un riassunto del libro (non ho mai avuto il dono della sintesi per queste cose), tanto la rete è piena di schede che ne parlano (questa è ottima) e poi spero che chi per caso si imbatta in questo post l'abbia letto almeno almeno una volta. Consiglio vivamente a chiunque non l'abbia mai letto di farlo, perchè quest'opera permette di capire tante cose su come funziona il mondo oggi.
Il fatto che si tenti di revisionare il passato per giustificare il presente.
Il fatto che si cerchi di impedire alla gente di pensare con la propria testa, per uniformarla e renderla meno pericolosa.
Il fatto che la gente sia drogata dai media, la televisione come unico mezzo di informazione per troppa gente.
Il fatto che se la televisione non parla di un avvenimento per qualche giorno, le persone poi se ne scordano come se questo non fosse mai avvenuto.
Il fatto che la gente debba per forza avere paura, debba per forza avere un nemico da combattere.

Ogni giorno la diffidenza come arma.

Vivere nel sospetto, arrivare anche alla delazione.

Mettere alla gogna chi esce dal recinto e la pensa diversamente.

Un concetto come quello del bipensiero che non è lontano dalla mentalità imperante oggi.

Orwell non si è poi mica tanto sbagliato, aveva già capito tutto.

Mi sta mandando parecchio in paranoia. Oggi pomeriggio l'ho passato a leggere e capire, come sottofondo i Tuxedomoon. Half Mute, colonna sonora ideale con le sue atmosfere tese ed opprimenti. Ascoltato in loop, come un flusso di coscienza dal quale esco molto provato ma consapevole.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Hai ragione fede questo libro è per tantissimi aspetti attuale.........

Cosucce Psicotrope ha detto...

Anch'io recentemente l'ho riletto dopo tanti anni e devo dire che le sensazioni che ho provato sono identiche alla prima volta.
Libro sconvolgente. Attualissimo.
Dovrebbero inserirlo nei programmi scolastici.
Obbligatorio.
PS: il sottofondo musicale per me sono stati i Neurosis.

federico ha detto...

Obbligatorio. Magari insieme a Fahrenheit 451 di Ray Bradbury.
In fondo 1984 lascia ancora la speranza che le cose possano cambiare, anche se servirà molto tempo.
Non avevo mai pensato ai Neurosis come sottofondo, di loro conosco solo il disco che hanno fatto con Jarboe... maestosamente oscuro, denso ed opprimente. Un altro sottofondo ottimale...
Penso proprio che tra poco mi regalerò A Sun That Never Sets...

prema ha detto...

Il mondo nuovo (Brave new world)di Huxley .....ancora + inquietante

federico ha detto...

grazie della segnalazione!me lo procuro e poi proverò a leggerlo...